mercoledì 26 luglio 2017

#voilafeltre2017, 18-20 agosto. Nuovo format e mostra su Moira Orfei alla grande rassegna d'arte in strada, circo contemporaneo e culture del mondo.

Voilà Festival giunto alla 19ª edizione. La rassegna internazionale d'arte in strada, circo contemporaneo e culture del mondo (#voilafeltre2017), si svolge dal 18 al 20 agosto in pieno centro storico di Feltre in provincia di Belluno, con anteprima il 16 e 17 agosto nelle frazioni.
 
La rassegna internazionale di arte in strada Voilà Festival raggiunge la maggiore età e cambia veste. La 19ª edizione, infatti, ha Aurelio Rota alla direzione artistica della manifestazione; la sua esperienza negli eventi di arte in strada porta circa settanta artisti da tutto il mondo, una trentina di spettacoli e numerose iniziative per grandi e piccini. Imperdibile la mostra fotografica dedicata a Moira Orfei "Moira la Regina – Memorabilia di un mito".
 
Feltre (BL), 26 luglio 2017 - Come se avesse raggiunto la maggiore età, la 19ª edizione di Voilà Festival, in programma dal 18 al 20 agosto a Feltre, storica cittadina del bellunese, e in anteprima il 16 e 17 agosto nelle frazioni, cambia format e assetto organizzativo con l'intento di trovare un nuovo slancio. L'Amministrazione Comunale di Feltre, intenzionata a non disperdere il patrimonio di pubblico e di consensi accumulato in numerose edizioni del festival, ha deciso di affidarne l'organizzazione e la direzione artistica all'Associazione In Festival, nella persona di Aurelio Rota (già direttore artistico di Lonato In Festival, Brescia, che ha ricevuto nel 2016 il Premio ItaLive come miglior evento italiano di Cultura, Musica e Spettacolo).
 
Con questa scelta Feltre decide di aderire a una rete di festival analoghi, con lo scopo di ampliare gli orizzonti della manifestazione, di attuare sinergie che permettano economie di scala e di dare voce a una più efficace e originale progettazione artistica. Si prosegue così il percorso di valorizzazione e promozione del circo contemporaneo e dell'arte in strada che da sempre ha caratterizzato Voilà. Il nuovo format di Voilà si basa sulla valorizzazione della location, cercando di scoprire e dare dignità a tutti gli spazi del centro storico di Feltre, proponendoli come scenario di sé stessi e per gli spettacoli in cartellone. «La Cittadella, le sue bellezze e la sua storia saranno sempre più protagoniste nelle scelte di direzione artistica» asserisce Aurelio Rota. «Gli artisti internazionali proposti appartengono principalmente a generi riconducibili all'arte di strada, al circo contemporaneo e alle culture del mondo; qualsiasi escursione in altri generi artistici sarà concessa, a patto di utilizzare un linguaggio popolare nel presentarsi al pubblico». La cittadina di Feltre sarà trasformata in un grande teatro dalle ore 18.00 alle 24.00, coinvolgendo grandi e piccini in numerose iniziative. Una settantina di artisti, una trentina di spettacoli ogni sera, una festa da ballo folk, laboratori per i bambini, un mercatino, una mostra, street food, botteghe e locali aperti sono gli ingredienti del nuovo Voilà, a cui si potrà partecipare pagando un biglietto d'ingresso di €8 per gli adulti e €2 per i bambini, con la possibilità di assistere a tutti gli spettacoli in programma. Il 16 agosto nell'Area Festeggiamenti di Foen e il 17 agosto al Casel di Celarda, ore 21.00, ci saranno le anteprime dell'evento con ingresso libero.

 
Il programma di Volià Festival vedrà, tra gli altri, le magnifiche performance dei messicani Quetzalcoatl, con il loro evocativo spettacolo di fuoco, dall'Africa gli etiopi Fekat Circus e i Kenyani Black Blues Brothers con le loro mirabolanti acrobazie e piramidi umane, dall'India i Milon Mela con le musiche, danze e antiche arti performative, dall'Argentina una folta rappresentanza di circensi con Fede Scoch, El Ninio del Retrete, Brunitus, Claudio Inferno, Ninia Grisito, CirqueTango e lo straordinario clown Tomate, dalla Spagna Jesus Fornies e la sua giocoleria con i palloni ed il poetico teatro di figura dei Zero en Conducta, gli italiani Maldimar, Teatri Nomadi, Lannutti & Corbo, Pepita, Luca Chieregato e la musica di Pepino & Fedele, DiaDuit e Bandaradan. Con la mostra fotografica dedicata a Moira Orfei "Moira la Regina – Memorabilia di un mito" (una delle fotografie è esposta al MoMa di New York), ideata dallo stesso Rota e dal nipote dell'icona pop e simbolo del circo italiano Alessandro Serena, e la conferenza-focus sul circo, il Festival contestualizza la sua visione artistica, rispettosa del passato e attenta a quanto si muove nel presente sia a livello nazionale che internazionale.
 
Per informazioni scrivere a: voila.infestival@gmail.com
Website: www.voilafestival.com
Facebook: www.facebook.com/Voilafestival
Instagram: www.instagram.com/voilafeltre/

#voilafeltre2017

LA NOTTE DELLE CANDELE DI VALLERANO, XI edizione (sabato 26 agosto 2017)

Sabato 26 agosto 2017

Dal tramonto in poi…

LA NOTTE DELLE CANDELE
XI edizione

Vallerano (VT)

Biglietti al prezzo di €5 acquistabili in loco o in prevendita al sito
http://www.i-ticket.it/prevendita/index.php?cmd=event&event_id=2376


Sono attese oltre 20000 persone per l'undicesima edizione della NOTTE DELLE CANDELE DI VALLERANO, il magico evento che illuminerà lo storico borgo medievale nel cuore della Tuscia viterbese e che vede la partecipazione degli stessi abitanti, alle scenografie dei lumi in ogni angolo, vicolo, piazza del Paese. Sabato 26 agosto (come da tradizione ultimo sabato dell'ultimo mese estivo), oltre 100000 ceri saranno i protagonisti di un'edizione, l'ultima per il sindaco di Vallerano Maurizio Gregori, che ha già registrato, con affluenze da tutta Italia (e anche da qualche nazione europea) il tutto esaurito. E quest'anno verranno allargati oltre il centro storico i confini dell'area  luminosa, ospitando anche un maggiore numero di artisti (quasi trenta!) che si esibiranno in contemporanea nei punti più suggestivi del borgo permettendo alle migliaia di convenuti di vivere un percorso indimenticabile tra musica e arte di ogni tipo. Altra novità, oltre il servizio navetta che dai parcheggi porterà all'ingresso della manifestazione, la piazza principale che, a sorpresa, sarà decorata con video e candele attraverso un lavoro suggestivo unico nel suo genere.

Questi alcuni degli itinerari, luoghi, artisti e progetti che faranno parte dell'undicesima Notte delle Candele di Vallerano a partire dalle ore 21,00:
Valeria Carissimi  - Giardino Centro Storico
Alessandra Salerno – Piazza Ospedale
Premio "Alvaro Bigiaretti' – Via Ospedale
Merenda Clandestina – Largo S. Andrea
Youkus  – giardino comunale - Ukulele ensemble
Astenersi PerdiTempo – Piazza San Vittore - Musica liquida
Oceani 5t – Piazza Casalino - Oceani. La Musica del Mare 
Astronomitaly – via dei granari
Lo candelaro viterbese – colle a sole
Duo Country Diamonds of Dust – colle a sole
Noise Traffic  – Via dei Cellari
Los 3 Saltos – via colle a frio
Thomas Valente e l'Orchestra Maldestra – via colle a frio
Area bimbi a cura di Armakà Animation– via caduti di Nassirya
Il regno del ghiaccio e dei fiori  – piazza della Repubblica
Tamburellisti di Torre Paduli, la pizzicata di mezzanotte – piazza della Repubblica
Simone Gamberi – largo Trento
Starligh dance party – piazza Padella
Area Hip Hop– viale Trieste
Una Tamtum Marching Band – via della pieve
Urban Vibes – via Agostini
Pietro Benedetti in cantando transumando – itinerante
Mercatino delle antiche botteghe farnesiane – piazzale Madonna del Ruscello
Simone Baggiani – colle a sole


La manifestazione, come di rigore, sarà l'ultima tappa del festival "Piccole serenate notturne" che, giunto alla sua sedicesima edizione, ospiterà in Piazza dell'Oratorio, ad ingresso libero, anche il gruppo COLLETTIVA CONCORDE con Un Domingo en la Boca (Martedì 22 Agosto - ore 21.30) e il quintetto vocale BMV CABRIO (Giovedì 24 Agosto - ore 21.30).

Grande attesa anche per la gemellata Notte delle Candele spagnola, la cosiddetta NIT D'ESPELMES che avrà invece luogo questo sabato, 29 luglio, a Pals (Girona), in Costa Brava.


Sito web ufficiale: http://www.nottedellecandele.eu/
Pagina FB: https://www.facebook.com/Notte-delle-Candele-186685184773941/

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni




Museo di Fotografia Contemporanea presenta NAN GOLDIN. The Ballad of Sexual Dependency A cura di François Hébel La Triennale di Milano dal 19 settembre 2017

Nan Goldin. The Ballad of Sexual Dependency  
A cura di François Hébel
 
La Triennale di Milano
19 settembre – 26 novembre 2017

Il Museo di Fotografia Contemporanea, per la prima volta in Italia, presenta The Ballad of Sexual Dependency della fotografa statunitense Nan Goldin (Washington, 1953), a cura di François Hébel presso il Palazzo della Triennale di Milano. Un diario visivo autobiografico e universale sulla fragilità degli esseri umani, che racconta di vita, sesso, trasgressione, droga, amicizia, solitudine. Un work in progress avviato agli inizi degli anni Ottanta, riconosciuto tra i capolavori della storia della fotografia.
 
Lo sguardo di Nan Goldin abbraccia ogni momento della propria quotidianità e del proprio vissuto. L'artista fotografa se stessa e le travagliate vicende dei suoi compagni, nella downtown di Boston, New York, Londra, Berlino, tra gli anni '70 e '80. La sua è una fotografia istintiva, incurante della bella forma, che va oltre l'apparenza, verso la profonda intensità delle situazioni, senza mediazione alcuna. Nella totale coincidenza del percorso artistico con le vicende di una biografia sofferta e affascinante, Nan Goldin ha indubbiamente creato un genere: studiate, utilizzate e imitate in tutto il mondo, le sue immagini sono un modello rimasto intatto fino a oggi.
 
L'installazione è costituita da una scenografia ad anfiteatro che accoglie il pubblico e consente la visione dell'opera, un video che viene proiettato ogni ora. Completano l'esposizione materiali grafici e alcuni manifesti originali, utilizzati per le prime performance di Nan Goldin nei pub newyorkesi.
 
 
 
Informazioni pratiche

Nan Goldin. The Ballad of Sexual Dependency  
A cura di François Hébel
 
19 settembre – 26 novembre 2017
 
La Triennale di Milano
Martedì – Domenica | 10.30 – 20.30

SARAH MCKENZIE giovedi 27 luglio casa del jazz per i Concerti nel Parco


I CONCERTI NEL PARCO, ESTATE 2017 
ROMA, CASA DEL JAZZ
giovedì 27 LUGLIO 2017 – ore 21,15
 
 
WHEN IN ROME: SARAH MCKENZIE
                 la nuova star australiana del vocal jazz presenta a Roma a I Concerti nel Parco
il suo nuovo album "Paris in the Rain"
 
 
WHEN IN ROME
Dall'Australia la nuova stella del vocal jazz
 
SARAH MCKENZIE
 
Sarah McKenzie pianoforte e voce
Hugo Lippi chitarra, Pierre Boussaguet contrabbasso, Marco Valeri batteria
 
"Sarah McKenzie è un prodigio musicale. Canta con quel tipo di fraseggio che solo un vero jazzista può farsi venire in mente, mentre il suo ritmo al pianoforte fa venire voglia alle persone di suonare il jazz." James Morrison
 
Giovedì 27 luglio WHEN IN ROME, in Prima a Roma la presentazione del nuovo album di SARAH MCKENZIE, la cantante australiana, nuova stella del vocal jazz. Dopo aver incantato i jazzofili di tutto il mondo con il suo album d'esordio del 2015 per la Impulse! Records, We Could Be Lovers, Sarah McKenzie torna con il sensazionale seguito, Paris in the Rain.
 
La cantante, pianista e compositrice di 28 anni, nata a Melbourne, Australia, fa squadra con il grande Brian Bacchus, che ha prodotto i classici di star del calibro di Norah Jones, Lizz Wright e Gregory Porter, per consegnarci un programma avvincente di classici jazz e brani inediti, tutti pervasi di un'incredibile musicalità ed eleganza.
 
Sarah McKenzie si è trasferita a Parigi lo scorso anno, dopo essersi diplomata al Berklee College of Music di Boston. In generale, il tema centrale dell'album è il viaggio di Sarah McKenzie dall'Australia all'America e poi i suoi viaggi attraverso l'Europa come artista.
 
E così per il tempo passato in Portogallo reinterpreta "Triste" di Antonio Carlos Jobim mentre "Tea for Two" di Vincent Youmans e Irving Caesar è il suo omaggio a Londra. La tematica del diario di viaggio risuona al massimo nel brano di chiusura "Road Chops", un inedito vivace che evoca quel senso di vertigine che si prova ad esplorare il mondo, nella cui parte strumentale risalta la padronanza della McKenzie al pianoforte.
 
In particolare la canzone di Cy Coleman e Carolyn Leigh "When in Rome," che dà il titolo al concerto di stasera, è stata scritta in occasione di un viaggio in Italia.
 
SARAH MCKENZIE
 
Di Sarah McKenzie si è detto che è un tesoro nazionale australiano, e per certo si sa che è una cantante e pianista jazz molto acclamata il cui album Close Your Eyes ha vinto nel 2012 agli ARIA Awards (Grammy australiano) nella categoria "Best Jazz Album".
 
Ad appena ventotto anni si è già esibita in Australia e Europa, calcando alcuni dei più iconici palchi jazz: Monterey Jazz Festival, Dizzy's Coca Cola Club e Minton's a New York, Sculler's a Boston, Melbourne International Jazz Festival, Umbria Jazz Festival, The Boston Arts Festival, Stonnington Jazz Festival, Wangaratta Jazz Festival.
Nel 2014 ha avuto l'onore di essere invitata a presentare le sue composizioni con la Boston Pops Orchestra alla Symphony Hall di Boston.
Nel 2013 la pianista e cantante Sarah McKenzie è stata premiata dall'Umbria Jazz Festival con una borsa di studio per frequentare il prestigioso Berklee College of Music.
Dopo aver conseguito il Diploma in Jazz Performance è stata scoperta dal direttore di Universal Publishing France, JeanPhilippe Allard, che l'ha invitata ad incidere su 'Impulse!' la famosa etichetta di Universal.
È stata in tournée con Michael Bublé, Chris Botti, John Patitucci e Enrico Rava.
 
We Could Be Lovers, è il suo debutto su 'Impulse! ed è stato prodotto da Brian Bacchus (Norah Jones, Gregory Porter) e registrato nei leggendari Sear Sound studios di New York. Uscito in Europa nel settembre 2015, l'album include numerosi brani originali di McKenzie, affiancati da classici di Cole Porter, Gershwin, Mancini, Ellington e Jerome Kern.
 
Il 13 gennaio 2017 esce Paris in the Rain, secondo album per l'etichetta 'Impulse!, ancora una volta prodotto da Brian Bacchus, che contiene un programma avvincente di classici jazz e brani inediti, tutti dall'incredibile musicalità e dallo splendore glamour tipici di Sarah McKenzie.
 
Video Links:
 
 
 
 
 
 
LUOGO: CASA DEL JAZZ
INDIRIZZO: Viale di Porta Ardeatina, 55 00154 Roma
 
ORARIO SPETTACOLI ORE 21:15
PREZZI DEI BIGLIETTI
Posto unico Intero € 15,00 + 1,60 dp – Ridotto € 12 + 1.60 dp
 
BIGLIETTERIA IN LOCO
Per gli eventi con inizio alle ore 21:15 la biglietteria è aperta al pubblico dalle ore 19:30 alle ore 22:30.
 
RIDUZIONI
Veli elenco dettagliato sul sito www.iconcertinelparco.it
Prenotazione posti spettatori diversamente abili
Se interessati, gli spettatori diversamente abili e i loro accompagnatori possono effettuare la prenotazione dei posti disponibili scrivendo all'indirizzoinfo@iconcertinelparco.it entro 3 giorni lavorativi dalla data dell'evento.
 
PREVENDITE INTERNET                                                
boxofficelazio.i
 
PREVENDITE TELEFONICHE                                                
Telefono TicketOne: 892.101
(dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 21:00 e il sabato dalle 9:00 alle 17:30)
 
 
 
PARCHEGGIO
La Casa del Jazz è servita da un parcheggio adiacente alla villa, in via Cristoforo Colombo angolo viale di Porta Ardeatina
 
Arrivare in Bus
Utilizzare la Linea 714, frequenza ogni 6 minuti, fermata Colombo/Marco Polo
 
Arrivare in Metro
Utilizzare la Linea B, fermata Piramide
 
DOVE MANGIARE
La Casa del Jazz è dotata di un piacevole punto ristoro.

CHARLES LLOYD QUARTET feat. Gerald Clayton, Reuben Rogers & Eric Harland venerdi 28 luglio casa del jazz


CASA DEL JAZZ
 
SUMMERTIME 2017
PARCO DELLA CASA DEL JAZZ
 
venerdi 28 luglio ore 21
 
CHARLES LLOYD QUARTET
feat. Gerald Clayton, Reuben Rogers & Eric Harland
Charles Lloyd sassofoni
Gerald Clayton pianoforte
Reuben Rogers contrabbasso
Eric Harland batteria
Ingresso € 20
 
Venerdì 28 luglio,alla Casa del Jazz, CHARLES LLOYD QUARTET feat. Gerald Clayton, Reuben Rogers & Eric Harland. Charles Lloyd è uno dei più grandi sassofonisti viventi, un'autentica leggenda. Nato a Memphis negli anni Trenta, una delle capitali del blues, vanta collaborazioni variegate: Cannonball Adderley, Eric Dolphy e Ornette Coleman, ma anche e i Doors, i Beach Boys e Howlin' Wolf. Fin da giovane è stato attratto dalla musica classica contemporanea e la sua opera ha spaziato negli anni dal gospel all'avanguardia jazzistica, senza tralasciare una certa fascinazione per l'esotismo nella scelta della strumentazione e dei timbri. Lloyd concepisce il sassofono come estensione della vocalità umana e il suo canto è un centro di gravità per il gruppo, di grande impatto lirico. Lloyd è anche noto per aver lanciato le carriere di molteplici pianisti, Keith Jarrett e Michel Petrucciani, quindi il ruolo di Gerald Clayton nel quartetto assume una particolare valenza.
 
Casa del Jazz
viale di Porta Ardeatina, 55
Ingresso 20 euro
Info:
06/704731
www.casajazz.it




Serena Wines 1881 main sponsor degli Internazionali di Tennis di Cortina d'Ampezzo

Serena Wines 1881

main sponsor del Torneo ATP Challenger Cortina


Serena Wines 1881 è main sponsor degli Internazionali di Tennis di Cortina D'Ampezzo come fornitore ufficiale dei vini, confermando il suo impegno per lo sport.

Il torneo è animato dal grande tennis con personaggi di spicco come Marcel Granollers e gli italiani Alessandro Giannessi, Federico Gaio e Matteo Donati. Tra gli eventi collaterali si segnalano lo Shoot-out, il Kid Week end e anche il torneo dei giornalisti. Sabato 29, alle 17, prevista la finale del doppio mentre domenica 30, dalle 14.30, ecco la finalissima del singolo.

Luca Serena ha dichiarato: "Oltre ad essere un gioco competitivo, il tennis è uno sport capace di promuovere sani principi e valori. Gli stessi valori in cui crede anche Serena Wines 1881 e che ci hanno portati a raggiungere risultati importanti, con performance nel ramo bollicine sempre in crescita, rispettando i nostri competitors e affermandoci in Italia e nel mondo come azienda etica e di qualità. Nel 2014 abbiamo fortemente sostenuto la volontà di Tennis Cortina di organizzare la prima edizione dell'ATP Challenger, e oggi, come famiglia Serena fortemente legata per tradizione alla conca ampezzana, siamo orgogliosi di rappresentare un evento sportivo che cresce sempre più, affermandosi come uno dei principali appuntamenti sul territorio. Con questa importante sponsorizzazione ci teniamo a sostenere anche il nostro Veneto, le cui terre da più di 130 anni ci regalano prodotti di qualità. Un grosso in bocca al lupo a tutti, a partire dall'organizzazione formata da persone appassionate che si impegnano da anni in qualcosa in cui credono fermamente. E per questo sono sicuro sarà un successo: di Sport e bollicine!".

Il dono di Liszt Teatro Marconi 27 luglio

Il dono di Liszt

ovvero Il Concerto diabolico


con Riccardo Bàrbera e Felice Della Corte

e Andrea Calvani al pianoforte


con l'amichevole partecipazione di Davide Sacco - Giulia Menici


assistente alla regia Agnese Ciaffei

drammaturgia Riccardo Bàrbera


regia Paolo Pasquini


Il più grande pianista del XIX secolo in visita in Italia, tra mille difficoltà, porta in scena il concerto perfetto che, per la prima volta nella storia, unisce la musica, la Divina Commedia e la sorprendente proiezione di immagini attraverso la lanterna magica



La scrittura di Riccardo Bàrbera coniuga, come di consueto, fatti storici con eventi e personaggi plausibili, e in questo caso ci fa incontrare il geniale concertista nei dintorni di Roma, mentre sta aspettando di essere ricevuto da papa Pio IX, a cui vuol chiedere una buona sistemazione come Maestro di Cappella.

In questa attesa Liszt, benché già famoso in tutta Europa, per vivere è costretto ad esibirsi. Per poterlo fare, però, deve fare  I conti con pregi,  difetti e astuzie degli impresari di provincia.

L'Italia appena unita ci appare infatti, nelle descrizioni dell'abate Liszt, al contempo un Paese baciato dalle Muse e un' insidiosa trappola infernale, in cui si rischia di essere continuamente abbindolati e frodati.

Il concerto a cui infine assisteremo, oltre a riprodurre i giochi col pubblico tipici del grande musicista magiaro, si concluderà proponendoci una vera chicca: un magico, quasi diabolico concerto dedicato alla Divina Commedia.

L'opera dantesca, infatti, fu per anni un vero assillo per l'abate Liszt: già nel 1847 aveva suonato al cospetto della principessa Wittgenstein vari temi ispirati alla Commedia, infine pensò di poter sperimentare una performance sinestetica.

Ideò così una sorta di videoinstallazione ante litteram da proiettare per mezzo della lanterna magica (il Diorama, tecnologia appena inventata). a corredo delle sue creazioni musicali (tra tutte la Dante Symphonia) e di alcuni passi Della Commedia.

Purtroppo, dopo alcuni esperimenti, il nostro dovette rinunciare all'impresa "multimediale" a causa delle difficoltà tecniche e dei costi pressoché insostenibili. In questo spettacolo il visionario progetto di Liszt si realizza per davvero e rappresenta il dono che Liszt fa all'Italia poco prima di lasciarla per sempre.

Le meravigliose musiche di Franz Liszt, mirabilmente eseguite al pianoforte dal M.o Andrea Calvani, brillante concertista di chiara fama, sono protagoniste assolute di buona parte di questo concerto/spettacolo


Il dono di Liszt

ovvero Il Concerto diabolico

con Riccardo Bàrbera e Felice Della Corte

e Andrea Calvani al pianoforte

con l'amichevole partecipazione di Davide Sacco - Giulia Menici

assistente alla regia Agnese Ciaffei

drammaturgia Riccardo Bàrbera

regia Paolo Pasquini


Marconi Teatro Festival

27 luglio 2017

ore 21

Teatro Marconi

viale Guglielmo Marconi 698 e

Contatti

www.teatromarconi.it


Biglietti

Intero 16 €; Ridotto 13 €